LatentGesture il nuovo sistema di sicurezza basato sulle gesture

La tutela dei nostri dati negli ultimi anni è sempre argomento di discussione e sopratutto per quello che riguarda gli smartphone.

Visto che ormai “la nostra vita”, come foto, contatti, chiamate, email, numero di carte di credito gira liberamente all’interno del nostro cellulare, le aziende produttrici nei loro ultimi modelli hanno sempre trovato una certa innovazione sul discorso sicurezza con l’aggiunta di password, pin, codici segreti basati su gesture, sensori per il riconoscimento di impronte ed altro per proteggerci appunto dagli invasori.

smartphone-thinkstock-166404616-617x416

Un gruppo di ricercatori della Georgia Tech in America, però è andato oltre, con una soluzione davvero intelligente chiamata LatentGesture.

Si tratta semplicemente di un sistema che monitorizza costantemente il dispositivo e l’utilizzo che effettua il proprietario registrandone le abitudini in modo costante nel momento che, LatentGesture percepisce che qualcosa cambia nel modo di effettuare lo swype per esempio o interagire con il display, il telefono viene bloccato.

Il sistema, in sostanza, impara a conoscere il normale “tocco” del proprietario, trasformandolo in una sorta di vera e propria firma ed impedendo l’utilizzo del device ad altri, il tutto con una precisione che riuscirebbe ad aggirarsi intorno al 98% sugli smartphone ed al 97% sui tablet.

Potranno essere impostati più utenti all’interno del sistema in un numero limitato che ad avvio del terminale si dovrà selezionare l’utilizzatore.
A questo punto sarà interessante scoprire se e quando una soluzione di questo genere verrà implementata sui nostri smartphone.

Advertisements