Duo Camera HTC One M8, pregi e difetti.. tutto quello da sapere

Con il nuovo HTC One M8 è arrivata anche un’importante novità riguardo il comparto fotocamera.

Infatti questo nuovo M8 presenta una fotocamera Duo costituita da 2 sensori, uno principale e l’altro secondario, dove quest’ultimo svolge un importante compito che serve allo sviluppo di particolari effetti.

duo_cam

La fotocamera principale possiede come il precedente modello di HTC One, un sensore da 4 megapixel con tecnologia Ultrapixel che permette di catturare il 300% di luce in piú, mentre quella secondaria posizionata al di sopra di quest’ultima ha risoluzione di 2 megapixel.

Questo ci fa rimanere molto perplessi perchè visto che il sensore principale è uguale a quello di HTC M7 la qualità delle foto saranno le medesime.

Il secondo sensore invece non presenta un valore rilevante di megapixel perché non cattura concretamente l’immagine ma la sua funzionalità principale è una migliore percezione della profondità permettendo alla fotocamera di capire la posizione degli oggetti nell’inquadratura.

In termini pratici questo dovrebbe tradursi in un autofocus più rapido (circa 300ms) e grazie alla funzione UFocus, presente all’interno del dispositivo che è sempre attiva, si potrà modificare la messa a fuoco della foto anche dopo lo scatto, potendo scegliere quindi di mantenere un soggetto in primo o secondo piano completamente a fuoco, mentre il resto sfuocato.

Esempio di foto con l'utilizzo di UFocus con HTC One M8
Esempio di foto con l’utilizzo di UFocus con HTC One M8

L’effetto risulta simile a quello che si riesce ad ottenere dalle più recenti Reflex Digitali con scatti a diaframmi aperti.

Questa risulta una comodità notevole visto il “prendi e scatta” senza la necessità di attivare la modalità Refocus come succede con gli altri smartphone.

Inoltre il vero vantaggio rispetto ad altri sistemi è che lo scatto è uno solo e non necessita quindi di più scatti (come per esempio fa Nokia), che aggiungerebbero solo maggior possibilità di introdurre del movimento indesiderato.

HTC ha inoltre annunciato un SDK che permetterá di utilizzare la seconda fotocamera per le informazioni relative alla profondità per lo sviluppo delle vostre applicazioni.

 

Nota dolente da sottolineare è l’eliminazione dello stabilizzatore ottico d’immagine OIS che purtroppo non è presente in questo nuovo HTC One M8, che viene sostituito con uno via software, che ovviamente non garantisce la stessa resa, quindi dimenticatevi i video in movimento!!!

La ragione è dovuta dal fatto che HTC One M8 è dotato di due sensori posteriori, che pertanto avrebbero dovuto essere stabilizzati entrambi, e la cosa si è rivelata troppo complessa da fare, anche visto il poco spazio a disposizione.

 

Troviamo inoltre un doppio flash LED con tecnologia simile a quella vista sull’iPhone 5S, ovvero due LED con colori diversi, uno giallo e l’altro bianco per una resa più realistica della foto anche in condizioni di scarsa luminosità.

 

A livello software abbiamo la possibilità di una gestione dello scatto avanzato con una impostazione di tutti i parametri manualmente, caratteristiche che per gli amanti della fotografia non può non mancare.

Fra le ulteriori peculiarità fotografiche troviamo:

  • Panorama 360 – una rivisitazione di Photo Sphere  che consente di catturare foto a 360°
  • Image Match – un tool nella galleria che consente di cercare immagini e creare album basati su foto simili (stessa persona, soggetto, ecc.)
  • Inoltre troviamo i vari filtri ed effetti artistici come Zoom Blur, Sketch, Cartoon, Colorize.

 

Ulteriore, piccola, nota dolente, appena venuta fuori dal web grazie a noti fotografi che stanno provando la resa fotografica del terminale, il bilanciamento automatico del bianco alle volte non risulta preciso, soprattutto in condizioni particolari come alba/tramonto, in cui è meglio ricorrere alla regolazione manuale.

Per finire, con i video si potranno realizzare filmati in massima risoluzione fullHD ed anche in slow-motion.