Caricabatterie Universale in Europa, l’Europarlamento ha deciso

Lo standard microUSB è ufficialmente il caricabatterie universale! Ieri l’Europarlamento ha deciso un aggiornamento delle leggi UE per quanto riguarda le apparecchiature radio e, soprattutto, le modalità di ricarica.

parrot-minikit-neo-usb-micro-usb-cable

Infatti, questo aggiornamento verte sull’adozione del caricabatterie universale da parte di smartphone (già “sotto legge” da un paio di anni), tablet, lettori musicali e fotocamere digitali in modo da ridurre le 51 mila tonnellate annue di rifiuti elettronici.

Questa legge, per noi consumatori, sarà utile per non avere in casa troppi caricabatterie diversi (uno per la fotocamera, che è diverso da quello dello smartphone, entrambi diversi da quello del GPS, senza contare il lettore MP3…).

C’è un unico, grande problema: Apple. Apple è famosa per non voler adeguarsi agli standard (piuttosto preferiscono crearne di nuovi). Ricordiamo la vicenda di iPhone: un paio di anni fa il connettore microUSB era diventato d’obbligo per tutti gli smartphone e Apple ha “aggirato” la norma presentando iPhone con il nuovo connettore Ligthning e un adattatore (acquistabile a parte alla “modica” cifra di 29€) per poter utilizzare il device con un cavo microUSB. Ora continuerà a fare lo stesso o finalmente si adatterà?

Per l’adozione definitiva bisogna aspettare il voto del Consiglio dell’UE (una formalità, visto che l’aggiornamento è stato votato con 550 voti a favore, 12 contro e 8 astensioni). Nel caso di adozione definitiva, i paesi europei hanno 2 anni per “adattarsi” e i produttori un ulteriore anno. Quindi, entro il 2016-2017 tutti i prodotti venduti potranno essere ricaricati con il medesimo caricabatterie (che probabilmente invoglierà i produttori ad escluderli nella confezione dei propri prodotti).