Oppo Find 7 con tecnologia Multi Shot, come funziona?

39005

La settimana scorsa, abbiamo pubblicato un articolo dedicato ad alcune notizie sulla fotocamera dell’ Oppo Find 7, con in allegato un’immagine che pubblicò Oppo (quella che vedete sopra). Consultando i dati EXIF, risultava che il sensore della fotocamera fosse da ben 50 Mpx! Inutile dire che questa notizia ha destato tanta curiosità ed entusiasmo per gli amanti della tecnologia mobile.

Gli ultimi render trapelati da internet, ci mostrano una fotocamera da 13 Mpx in grado di catturare immagini da 50 Mpx, grazie ad una nuova modalità di scatto, chiamata Multi-Shot. In questo articolo cercheremo di spiegarvi il funzionamento di questa tecnologia.

Single-Shot & Multi-Shot

Nelle fotocamere di base e negli smartphone, la fotocamera acquisisce l’immagine con la modalità Single-Shot. Il sensore fotografico utilizza una matrice di bayer per misurare e creare i colori. Come si può notare, la matrice di bayer è composta di tante celle 2×2 composte da 2 pixel verdi, uno rosso e uno blu. Quando scattiamo una foto, viene ricostruito il valore della luminosità e il sensore creerà un colore che sarà una riproduzione accurata del colore reale.

bayer

 

La tecnologia Multi Shot consente alla fotocamera di catturare 4-16 immagini in una sola volta, scegliendo i colori in modo accurato; oltre al rilevamento, la misurazione e la fusione dei livelli di luce, una fotocamera Multi Shot muove il sensore intorno al pixel. In questo modo ogni livello di luce viene registrato per molto più tempo e quindi la rappresentazione finale sarà molto più realistica. Altri vantaggi di questa tecnologia sono immagini più nitide, con più dettagli e meno rumore (sopratutto in caso di poca luminosità).

multishot

Vi mostriamo un video che spiega il funzionamento della fotocamera Multi-Shot.

 [youtube http://www.youtube.com/watch?v=7N135xTbrZI]

Speriamo che questa nuova tecnologia possa essere confermata il 19 marzo, in occasione della presentazione ufficiale. Ci sono inoltre delle indiscrezioni che affermano la presenza di un OIS (stabilizzatore ottico d’immagine), per migliorare la stabilità durante lo scatto. Non ci resta che aspettare ancora qualche giorno per avere le conferme, nel frattempo però ci piacerebbe leggere tramite i vostri commenti, cosa ne pensate di queste novità nella fotocamera!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *