L’84% dei sistemi operativi mobili ha Android: Strategy Analytics prevede un calo

La crescita esponenziale che il sistema operativo di Google ha avuto in questi anni ha permesso di far prendere al robottino verde la vetta della classifica in quanto a diffusione. Secondo i dati raccolti da Strategy Analytics nel terzo trimestre del 2014 ha fatto registrare un utilizzo sui device pari all’84% in calo, nonostante le cifre esorbitanti, rispetto al trimestre precedente in cui aveva raggiunto il picco dell’85%.

crescita-android

Android, secondo il direttore di Strategy Analytics Neil Mawston, non riuscirà certamente a tenere questi ritmi, salvo improvvisi crolli della concorrenza. Il direttore di SA pensa che quasi sicuramente Android subirà un calo del 10%, assestandosi attorno al 75% del mercato globale.

Le versioni Android “forked” (prive di servizi Google) saranno sicuramente i primi a subire l’assestamento predetto da Mawston, in quanto risultano già in calo del 2% rispetto sempre al secondo trimestre, passando dal 39% al 37% odierno.

Per quanto riguarda la concorrenza, iOS di Apple si piazza al secondo posto con un 12%, Windows Phone con il 3% e segue BlackBerry con un esiguo 1%. Siamo sicuri che nel 2015, Apple e Windows accorceranno le distanze grazie anche alle giocate d’anticipo di questi mesi, come l’uscita dell’iPhone 6, anticipata dall’aggiornamento di iOS, o le novità apportate sui sistemi Windows con 8.1.

Google non è di certo rimasta a guardare, infatti si attendono i dati di mercato dopo l’imminente uscita di Android 5.0 e del nuovo tablet firmato Google, il Nexus 9.

Tra i produttori ricordiamo invece Samsung in calo rispetto allo scorso anno del 10%, portandosi su un discreto 25% odierno, riguardante il mercato Android. La casa coreana perde terreno ma Xiaomi prende la scia, occupando di prepotenza una fetta consistente del mercato mondiale e dando fastidio ai “Big” dei dispositivi mobili. Per l’ascesa nel dettaglio di Xiaomi, vi rimandiamo a questo link.

Basteranno le novità di Apple e Windows per spodestare il robot di casa Google dalla vetta del mondo?