Com’è lavorare con Tim Cook?

Tim Cook il noto CEO di Apple gode di una personalità stravagante e allo stesso tempo interessante. Ha da poco dichiarato pubblicamente di essere fiero della sua omosessualità, aggiungendo che è uno dei migliori doni che Dio gli ha dato. Con le sue parole spera di aiutare le persone che hanno paura a dichiarare la propria omosessualità. C’è chi invece oltremare pensa che sia stata solo una trovata pubblicitaria per aumentare le vendite dei propri prodotti. Tutto dipende dai propri punti di vista, di mentalità più o meno aperte su quella che oggi è una grande realtà.Ma non è di questo che mi voglio occupare oggi.

È ormai risaputo che la Apple tiene molto alla riservatezza delle proprie informazioni. Anche le aziende che lavorano alla produzione di dispositivi Apple sono legate con essa da accordi con specifiche clausole sulla riservatezza che se non rispettate possono portare ad ingenti multe.

Strano? No, anzi. È normale che l’azienda leader Statunitense tenga così tanto alle proprie informazioni per riuscire a tenere tutti sulle spine fino l’ultimo momento, per poi sorprendere tutti, chi più chi meno, alla fine. C’ è da dire che la rigidità con cui vengono tenute segrete le informazioni interne, ogni tanto viene “bypassata”. Ad evadere non sono solo notizie riguardanti gli ultimi modelli che saranno presentati, ma anche come sia lavorare con Tim Cook.  Quest’ultimo quando ha preso il ruolo di Jobs ha avuto un gran da farsi per rimanere al passo con i tempi e non buttare al vento ciò che era stato fatto dal suo predecessore.

Sicuramente Tim Cook sta facendo bene, come dimostrano i risultati ottenuti dagli ultimi iPhone 6 immessi da poco sul mercato. Quello che in realtà colpisce è invece il suo modo di lavorare. Alcune persone che lavorano con lui hanno espresso come sia lavorare per Tim Cook, preferendo però rimanere nell’anonimato.

My experience with Tim was as a report of one of his direct reports. He interviewed me. I participated in weekly revenue reviews with him. This was the basis for my perspective.

Queste sono le parole dell’ultimo anonimo che si è espresso sull’argomento su Quora che continua elencando i cinque punti fondamentali che esprimono come sia lavorare con Tim Cook.

  1. Nessuno conosce i dettagli del proprio business meglio di Tim. Ed è meglio che anche tu conosca i dettagli della tua parte del suo business.
  2. La tua vita è il tuo lavoro. Il tuo lavoro è la tua vita. Non c’è nessuna cosa come bilancio fra vita e lavoro.
  3. Non c’è tempo per le chiacchiere, solo comunicazione intenzionale in piccoli bocconcini.
  4. Lo charme è per i braccialetti.
  5. Costruire la propria carriera su cambi di lavoro ti rende un lavoratore inaffidabile. Regole dell’Endurance.

Steve_Jobs_Tim_Cook_big

Un altro anonimo in precedenza aveva confrontato come sia stato lavorare con Jobs e come sia stato lavorare per Cook, preferendo però quest’ultimo.

Entrambi prendono le decisioni in base alla loro intuizione, ma Tim è meno caustico a riguardo, non mi ha mai certamente rimproverato allo stesso modo.

Qust’ultimo continua dicendo che Tim Cook sa apprezzare meglio il lavoro ben fatto, anche se a volte  pretende di più di quando pretendeva Jobs.

Sono quindi vari i punti di vista su come si lavori con Tim Cook che sicuramente è una persona rispettabile è può vantare un grande genio intellettivo.

Concludiamo con una cosa che sicuramente Tim Cook e Steve Jobs hanno avuto in comune, lo svegliarsi all’alba per mettersi subito a lavorare.