OnePlus ne ha per tutti!

OnePlus, azienda che produrrà smartphone con CyanogenMod (il sistema Android based più famoso del mondo), è uscita allo scoperto creando interesse verso il proprio prodotto, o meglio, criticando il prodotto degli altri. Caratteristiche tecniche e varie features sono già state citate in un nostro precedente articolo. 

Da poche ore, sulla pagina Facebook di OnePlus, sono apparse alcune immagini molto interessanti (e altrettanto provocatorie) condite dall’hashtag #NeverSettle, ovvero #MaiAccontentarsi. Le immagini ci mostrano come i terminali Samsung siano brutti (con il cerotto a simulare la cover posteriore “discutibile” del Galaxy S5), i terminali Apple non siano così innovativi e belli (la mela di plastica e quella vera rappresentano rispettivamente iPhone 5C e 5S), Motorola è sparita (nella foto è presentato il “conto” a Google, con la scritta “Goodbye Moto” in contrapposizione allo storico slogan “Hello Moto”), i terminali Windows Phone non hanno applicazioni, i sistemi BlackBerry sono orrendi e HTC non si è dedicata economicamente al rinnovamento di One (“simboleggiato” dai pochi spiccioli). Vi lasciamo le immagini per commentare (o, semplicemente, per sorridere un po’)

1622073_470428936396250_1310319091_n 1623719_470458923059918_403036850_n 1623793_470464853059325_133315457_n 1896861_470458406393303_635164215_n 1932283_470454183060392_2074766739_n 1978636_470468886392255_161890461_n

Non solo pubblicità su Facebook, OnePlus rincara la dose grazie ad un’intervista rilasciata dal suo CEO Pete Lau, dove afferma che i suoi terminali sono:

  • più innovativi e più “rootabili” di OPPO (altra azienda che produce smartphone CyanogenMod based)
  • top di gamma al giusto prezzo (400$)
  • concorrenziali dal punto di vista del design (paragonabile ad iPhone) con specifiche migliori
  • adatti per gli “smanettoni” che vogliono provare varie situazioni Android based (o altre situazioni)
  • adatti per le “persone comuni” che vogliono avere già da subito un’ottima esperienza con una perfetta assimilazione fra software e hardware

Inoltre non si pone il problema del mercato internazionale, in quanto attuerà una rete capillare di distribuzione per non lasciare “a secco” nessun utente.

Aspettiamo quindi nuove informazioni relative al prodotto (o eventuali risposte dai “chiamati in causa”)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *