Nuclun, il primo octa-core di LG

Nuclun è dotato di quattro core ARM Cortex-A15 e altri quattro di Cortex-A7

lg_nuclum_octa-core

Nuclun, precedentemente chiamato Odin, è il primo SoC per smartphone della casa sudcoreana, un chip octa-core architettura big.LITTLE, che sfrutta quattro core ARM Cortex-A15, con frequenza di 1.5GHz, affiancati ad altri quattro ARM Cortex-A7, con frequenza di 1.2 Ghz, il primo ha il ruolo da “mulo da soma”, il secondo invece è dedicato ai carichi di routine.  Il SoC dispone anche della connettività 4G LTE-A Cat.6, con velocità massima di download di 225 Mbps.

Il primo device equipaggiato con Nuclun sarà il Liger (F490L), ma il nome ufficiale sarà G3 Screen e sono state confermate tutte le caratteristiche tecniche annunciate in passato.

Le specifiche sono: 2 GB di RAM, 32 GB di storage espandibili tramite microSD, un display da 5.9 Full HD 1080p, una fotocamera posteriore da 13 MP, frontale da 2,1 megapixel,  una batteria da 3000 mAh e, come già detto, connettività LTE-A Cat.6. Le dimensioni dovrebbero essere 157.8 x 81.8 x 9.5 mm, per un peso complessivo di 182 grammi, venduto solo in bianco o nero.

“Nuclun apre un nuovo capitolo nella storia di innovazione di LG nel settore della telefonia mobile”, ha affermato Jong-seok Park, presidente di LG Electronics Mobile, continua “Con questa soluzione sviluppata in casa saremo in grado di realizzare una migliore integrazione verticale e diversificare ulteriormente la nostra strategia contro una forte concorrenza”.

La nuova strategia di LG è chiara, punta a realizzare in casa i propri chip per avere maggiore controllo sui costi, ma i tecnici di LG potrebbero anche modificare l’architettura ARM per ridurre ulteriormente i consumi. LG si affianca ad altre del settore come Samsung, Huawei e Apple, che progettano i propri processori per i loro dispositivi.