5 motivi per installare CyanogenMod [Flashaholic]

CyanogenMod è da parecchio tempo la Custom Rom più popolare, a dispetto della pletora di rom alternative presenti sul mercato. Con una velocità uguale alla stock rom e un sacco di miglioramenti e aggiunte, ecco 5 motivi per provare CyanogenMod (se non l’avete già fatto).

CyanogenAQuesta settimana, per la nostra serie di guide Flashaholic, non vi spieghiamo come installare CyanogenMod, vi illustriamo i principali motivi che dovrebbero spingervi ad installarla. Vediamoli allora nel dettaglio.

1. Allunga la vita al tuo dispositivo

I produttori solitamente forniscono supporto ai loro terminali per un breve periodo di tempo, avolte non li aggiornano mai. Se siete infastiditi dalla mancanza di attenzione che vi riserva il produttore, con aggiornamenti lenti o assenti, CyanogenMod può essere una panacea.

CyanogenB

Se analizziamo i dati sulle distribuzioni di Android ci accorgiamo che c’è ancora una vasta base installata di vecchie versioni. E non parliamo solo di modelli base. Samsung Galaxy S, per dare un nome, è ancora fermo, ufficialmente, ad Android 2.3, preistoria per quanto riguarda Android. Se volete aggiornare il vostro vecchio smartphone basta usare CyanogenMod 11, che porterà Androdi 4.4 KitKat anche sul Galaxy S. In questo modo potrete utilizzare tutte le nuove app Google e le migliorie apportate con le nuove versioni di Android.

CYanogenMod ha una vasta lista di dispositivi supportati ufficialmente e molti dispositivi sono supportati in maniera non ufficiale attraverso dei porting. Anche se il vostro dispositivo non è presente nella lista ufficiale di CyanogenMod 11 è probabile che troviate almeno una versione vecchia da qualche parte. Se cercate un’ottima Rom che sia il più possibile simile alla versioen stock di Android, CyanogenMod è la Custom Rom che fa per voi.

2. Ripulire il vostro Android

Anche se possedete il miglior flaship in circolazione CyanogenMod può velocizzare il vostro telefono, liberandolo da quella montagna di app inutili che servono solo a divorare le risorse. Ovviamente se siete fanatici di Knock Code o delle Air Gesture non potrete trovare una simile feature in CyanogenMod, ma sicuramente potrete liberarvi della montagna di bloatware solitamente presente nei flagship e che difficilmente utilizzerete più di una volta. Inoltre, anche se il bloatware può essere rimosso dalle Rom dei produttori restano sempre le interfacce, a volte particolarmente pesanti come TouchWix. CyanogenMod con il suo look stock potrà non soddisfare il gusto di tutti ma la sua velocità è innegabile. Per i più coraggiosi è possibile intervenire sulle frequenze di funzionamento sia per aumentare le prestazioni con overclock sia per aumentare la durata della batteria limitando la velocità di clock.

3. Feature aggiuntive

Se i 2 punti precedenti sono applicabili a qualsiasi Rom basata su AOSP, quali sono i veri punti di forza di CyanogenMod? Questa Rom non si limita ad un semplice porting del codice AOSP, il team continua a sviluppare ed implementare nuove funzioni per migliorare l’esperienza d’uso di Android. È capitato che alcune feature sviluppate dal team siano poi finite nella versione ufficiale di Android. È stato il team di CyanogenMod a “scoprire” nel codice AOSP la funzione HeadsUp che ritroveremo su Android L.Abbiamo un DSP Manager integrato per gli audiofili, grazie al quale potremo controllare ogni parametro audio. Potrete definire un profilo differente a seconda che stiate usando le cuffie o gli speaker integrati. Potrete personalizzare l’aspetto dei Quick Settings e selezionare quali visualizzare da una lista molto ampia, ad esempio abilitare o meno il flash, spegnere il display o cambiare la modalità audio. Anche l’app fotocamera è stata modificata in modo da accettare comandi vocali per controllarla, funzione comoda per scatti di gruppo, da utilizzare al posto del timer di scatto. Potrete inoltre rispondere velocemente agli SMS direttamente dalla barra di notifica o registrare un video con il contenuto dello schermo. Troviamo anche PIE Controls, idea mutuata da ParanoidAndroid che permette di nascondere le barre di sistema e richiamarle all’occorrenza. Se non dovessero bastarvi queste features, abbiamo un file manager proprietario, una lockscreen personalizzabile con scorciatoie, la navbar modificabile a piacimento il CM Account,grazie al quale potrete trovare il vostro dispositivo rubato e bloccarlo da remoto, Privacu Guard per il controllo delle app e una funzione blacklist delle chiamate.

4. Perchè siete vanitosi

Se l’aspetto stock di Android non vi soddisfa, CyanogenMod include anche Theme Chooser, una comoda app che vi permette di installare un tema scaricandone direttamente l’APK o rimandandovi a quelli presenti sul Play Store. I temi presenti sono molteplici e vanno dal semplice cambio dei colori ad una modifica totale dell’interfaccia. Anche se sembra assurdo, visto che potreste aver installato CyanogenMod per liberarvi di una interfaccia pesante come TouchWiz, c’è la possibilità di installare un tema praticamente uguale all’originale, con il vantaggio di non avere il bloatware che accompagna le Rom proprietarie. L’uso di Theme Chooser è molto semplice, scaricate ed installate il vostro tema preferito, senza necessità di riavviare. Potrete così cambiare velocemente volto al vostro smartphone.

5. Per avere sempre gli ultimi aggiornamenti

L’ultimo punto che dovrebbe spingervi ad adottare CyanogenMod è il suo sistema di aggiornamenti, molto più veloci di quelli degli OEM. Abbiamo le versioni nightly, meno stabili ma più rapide a correggere i bug che vengono man mano riscontati dagli utenti, che servono da base per le versioni stabili. Molti exploit emersi lo scorso anno, tra cui il famigerato “MAster Key” sono stati prontamente risolti dal team CyanogenMod ed hanno permesso ai possessori di terminali non più supportati dai produttori di essere immuni da simili minacce.

A questo punto non vi resta che andare sul sito di CyanogenMod e verificare se il vostro terminale sia supportato. Scaricate i file necessari e gustatevi una delle migliori ROM attualmente in circolazione.

Restate sintonizzati su EnjoyPhoneBlog per altre guide della serie Flashaholic