Anche per Apple arriva il display pieghevole

Pochi giorni fa è stato depositato un brevetto che cambierà il modo di concepire Apple

apple flex

Il 7 Ottobre Apple ha depositato un brevetto, No. 8.855.727, al Us Patent and Trademark Office (USPTO), letteralmente “Ufficio statunitense dei brevetti e dei marchi di fabbrica” dal titolo Mobile electronic device with an adaptively responsive flexible display, ovvero, dispositivo elettronico mobile con schermo flessibile capacitivo.

Questo brevetto descrive un pannello interattivo come unico dispositivo in grado di attivare vari task di sistema, nello specifico, ricevere contenuti multimediali da server esterni sotto forma di MMS a seconda del movimento a cui viene sottoposto.

Nel brevetto viene descritto in modo parziale, ma si legge che il dispositivo può unire uno o più schermi flessibili collegati a componenti hardware come schede di rete, sensori e altro. Inoltre i display si possono anche “arrotolare” e gli utenti possono, piegando o modificando la forma del display flessibile, ridimensionare e adattare i dati acquisiti nella nuova forma assunta.

apple flex_1

Come accennato in precedenza, il dispositivo mobile è in grado di richiedere e visualizzare contenuti multimediali da un server. Il contenuto inviato attraverso la rete viene “spacchettato” e adattato per permettere l’invio tramite MMS. Una volta che i dati vengono ricevuti dal display, vengono assemblatati per una corretta visualizzazione. Il brevetto descrive anche un possibile uso del GPS per una pubblicità localizzata. Infatti la tecnologia si presterebbe, sulla carta, per creare giornali e riviste digitali. Un altro utilizzo possibile è l’impiego nel settore dell’advertising grazie alla sua flessibilità e trasportabilità.

Questo display è stato brevettato da Harry Vartanian già nel 2013 ed era di proprietà della società HJ Laboratories, ma il progetto risale al 2011 ed è stato recentemente acquistato da Apple prima che la società di ricerca e di ingegneria con sede in Pennsylvania, “capitanata” proprio da Vartanian e Jaron Rhodes, si “sciogliesse”.

Attualmente la HJ Laboratories è una società “attiva”, nel Management risultano ancora in carica Vartanian e Jaron Rhodes rispettivamente Presidente e Capo Esecutivo. Il brevetto è stato depositato da Apple, ma la piccola azienda possiede numerose invenzioni per i sistemi GPS interni soprannominati “inGPS.” Apple ha già mostrato interesse per il settore con l’acquisto di WiFiSLAM nel 2013. Quindi non è chiaro se Apple abbia acquistato solo il brevetto o tutta la HJ Laboratories visto che è ancora una società.

Cosa dobbiamo aspettarci un display che si piega? Questa non è una novità da parte di Apple!