Pedometer il contapassi nascosto nel vostro smartphone!

Nell’articolo “Migliori App gratuite della settimana per Android e iOS” c’era un’interessante applicazione legata al mondo del fitness: Pedometer permette di contare i passi senza dover accoppiare un accessorio esterno come uno smartband o uno smartwatch al nostro device.

Secondo la descrizione dell’app, il contapassi Pedometer utilizza uno step sensor non ben specificato integrato nei più recenti smartphone (come Nexus 5, Moto x, Lg g2 etc.) così da non causare un rapido consumo della batteria molto frequente nelle applicazioni runner che accedono al GPS per monitorare i km e i passi effettuati.

L’interfaccia flat ispirata al material design è molto gradevole e veloce ed è possibile trovare 4 tab principali: “Steps” dov’è inserito il conteggio dei passi, “Steps to go!” il countdown dell’obiettivo del giorno settabile nel menu impostazioni, “Distance” con il numero dei km effettuati e “Calories” con le calorie bruciate (purtroppo un bug non mi ha permesso di visualizzarle, soltanto accedendo nel menu cronologia ho potuto verificare le calorie).

pedometer

Cliccando sull’icona “passi” è possibile iniziare un nuovo esercizio che in seguito verrà salvato con nome e commento, in alto invece è presente il menu “history” dove si potrà accedere allo storico dei passi visualizzando dei comodi istogrammi così da tenere sotto controllo i progressi con anche la possibilità di archiviare i dati nel proprio account di Google.

pedometer

Carina anche la funzione “Achievements”, simpatici obiettivi che invoglieranno i più pigri a camminare di più per sbloccare medaglie e accumulare punti esperienza.

pedometer

Devo essere sincero, non ero convinto del funzionamento e soprattutto della precisione di quest’applicazione.

Si vedono molto spesso smartband di marchi blasonati che fanno un lavoro pessimo e sottostimano o sovrastimano i dati, quindi, perché una applicazione gratuita dovrebbe fare meglio di un accessorio comprato separatamente e studiato a posta per monitorare i passi?

Essendo un felice proprietario dello SmartBand Sony decido di affiancarlo per un giorno con Pedometer portandomi dietro tutto il mio scetticismo. Da subito l’app risulta comoda quasi alla pari di lifelog (il programma che gestisce la band), con in più una notifica permanente che visualizza in tempo reale il numero di steps così da rimanere costantemente aggiornati sul numero di passi compiuti.

Nell’arco della giornata Pedometer non ha mai avuto impuntamenti o chiusure anomale rimanendo sempre attivo anche in standby e, cosa molto importante, non ho rilevato nessun consumo anomalo di batteria (uno dei problemi riscontrati nei commenti degli utenti)  sul mio z1 compact come promesso dai creatori dell’app.

Ma la vera domanda è: sono corretti i dati registrati?

Ebbene si, sono in linea con il mio SmartBand, ovviamente la cifra non corrisponderà mai ma il fatto che ci sia uno scarto di meno di 500 passi (6935 steps per il Sony e 6442 per Pedometer) è quasi incredibile, contando anche che la band è legata al mio polso e il cellulare non sempre lo si ha vicino, anche se per il test sono stato molto attento a portare lo smartphone sempre con me in ogni mio spostamento.

Nonostante tutto, i risultati potrebbero variare in base allo smartphone utilizzato.

Screenshot_2014-09-22-22-53-36

pedometer

Quindi che dire, un’applicazione che svolge il suo compito in modo corretto, utile per sapere quanto si è sedentari e meno invasivo di band o smartwatch anche se questi ultimi più comodi durante una vera e propria sessione di attività fisica, l’unica pecca è la necessità di avere il proprio device Android aggiornato a KitKat.

Pedometer link Google Play Store