Pronto WhatsApp? ci siamo? Si potranno effettuare le chiamate

Ci sono App per qualsiasi cosa e ci sono App che non cambiano mai, soprattutto se si parla di WhatsApp l’applicazione di messaggistica istantanea più famosa al mondo che recentemente è stata acquisita dal colosso dei social network Facebook per una cifra che si aggira intorno ai 19 miliardi di Dollari.

Se l’acquisizione poteva far ben sperare alla possibilità di un aggiornamento grafico o alla implementazione di nuove funzionalità questo non è avvenuto, una politica mantenuta per anni che ha molto in comune con la “filosofia” Apple, creare il mercato con un servizio stabile e efficiente, ottenere più clienti possibili e mantenere il controllo.

Ciò era possibile qualche anno fa, un periodo di grande frammentazione con tante App molto simili tra di loro che si contendevano una fetta di mercato, adesso con diverse valide alternative gratuite risulterà più difficile, soprattutto se i concorrenti offrono maggiori servizi e grafica più curata.

Leggi anche | WhatsApp: arriva la doppia spunta azzurra per la conferma lettura?

Cosa manca a WhatsApp? Sicuramente un client desktop e la possibilità di utilizzare l’App anche su tablet solo wifi, poi una rinfrescata all’interfaccia non guasterebbe con l’aggiunta della possibilità di scambiare file di estensioni differenti rispetto ai classici video e foto.

Ma la vera mancanza sta nell’assenza della possibilità di chiamare o videochiamare i contatti tramite la rete, ma su questo qualcosa si sta muovendo.

Nel nuovo aggiornamento dell’applicazione su iOS è presente la funzione voice calling anche se ancora non attiva e non descritta nella changelist; ciò che ne dimostra la possibile prossima integrazione è un pop-up che richiede l’accesso al microfono per fare e ricevere chiamate. Basta andare su Impostazioni> Privacy> Microfono> WhatsApp> e tappare su OFF > chiudere e aprire  l’applicazione e si dovrebbe vedere la stesso pop-up della foto qui sotto.

whatsApp

Sicuramente gli utenti saranno felici di questa novità che permetterà di allinearsi almeno in parte all’offerta dei competitor.

Vi terremo aggiornati su possibili nuove implementazioni.