Viro lo smartphone che non si ricarica

viro

Chi non sogna un telefonino che non ha bisogno di ricaricarsi? Un pò tutti Noi, immagino. Ed ecco spuntare Viro, lo smartphone che suscita stupore e scetticismo, sviluppato da una startup tutta italiana, la Revolve la quale promette di stupirci con un device che non ha bisogno della classica ricarica; cavo, presa e tutti i “disagi” che premettono. Andiamo con ordine, l’annuncio del lancio di questo device dovrebbe essere il primo ottobre come recita la pagina Facebook il tutto correlato ad un concorso in cui è possibile vincere questo smartphone rivoluzionario; basta scrivere un post di massimo 100 caratteri descrivendo il perché si debba meritare questo rivoluzionario smartphone.

Ora veniamo alle note oscure che circondano questo nuova tecnologia, infatti sul sito ufficiale Getviro.com non c’è nessuna informazione in merito, nessuna descrizione, nessun riferimento alla tecnologia impiegata , nulla di nulla, solo dei video dal canale You Tube e la sezione “Contacts”. Insomma nulla di concreto, anzi, mediante whois (interrogazione data base) del dominio, si è scoperto che l’intestatario è una donna nata nel 1944, nulla a che vedere con Revolve o Viro.

Nei contatti troviamo molti nomi per lo più sconosciuti tranne uno, Jermaine Smit il quale si occupa di concept smartphone, in pratica immagina i telefoni del futuro, su Androidjs.com ne parla con un post in data 7 Agosto il quale afferma che sta lavorando ad un progetto Top Secret il quale riporta, di una sua collaborazione per uno smartphone rivoluzionario,  scrive “won’t have to charge” letteralmente, non dovrai più ricaricare.

Con il passare delle ore si moltiplicano i Rumors, fotocamera da 20 MP e doppio sistema operativo certificazione IP X8, fantascientifico anche per una grande azienda figuriamoci per una novella Startup e non finisce qui la Revolve avrebbe stipulato un contratto con un partner Cinese per un lotto di 130.000 unità.

https://www.youtube.com/watch?v=mX0rQBx43vM

L’idea è rinascimentale non c’è dubbio, non sono soli quelli della Viro a cercare il Santo Graal, cioè una ricarica potenzialmente illimitata. Infatti ad oggi esistono dei piccoli generatori termici da incollare sui vari Device, ma la potenza sviluppata è davvero esigua. Certamente questo sarà il futuro ma non quello immediato, comunque aspettiamo la fatidica data del 1° Ottobre.

Bufala o verità? Voi che ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *