Piccolo manuale su come difendersi dai virus Android

Molti di voi potrebbero storcere il naso, leggendo un titolo del genere: che bisogno c’è di una guida che insegni come difendersi dai virus Android? Chi ne ha mai presi?

Android è un sistema operativo in continua espansione, e ha da tempo abbondantemente superato il traguardo di un milione e duecentomila applicazioni che l’App Store di Apple ha raggiunto solo due mesi fa, il 2 giugno; ad un numero così alto corrisponde dunque una vasta scelta di prodotti, molto spesso gratuiti, ma il retro della medaglia è sempre in agguato dietro l’angolo, e ve lo possiamo riassumere in una sola parola: malware.

Al contrario di quanto gli Apple-users affermano in ogni flame war, Android è un sistema operativo relativamente sicuro: nonostante ogni mese ci giungano dagli Stati Uniti notizie allarmanti, riguardanti temibili virus o insidiose falle di sicurezza (leggete QUI per maggiori informazioni), puntualmente un comunicato ufficiale ci informa che i programmatori XDA hanno già provveduto mettere una pezza laddove ce ne è bisogno, ma si trattano comunque di minacce che raramente lasciano gli U.S.A. per giungere sino nel vecchio continente.

Se siete soliti scaricare applicazioni unicamente dal Play Store, allora potete ritenervi al sicuro, poichè ogni contenuto caricato sul market di Google è controllato dalla casa madre in persona, ma qualora vi troviate nel bel mezzo del selvaggio west, o facciate un uso non proprio ortodosso del vostro browser, allora magari troverete interessante quello che abbiamo da dirvi.

Con il nostro pratico Manuale su Come Difendersi dai Virus Android, noi di EnjoyPhoneBlog non pretendiamo di fornirvi uno scudo impenetrabile contro ogni tipo di malware in circolazione: si tratta di un insieme di piccoli accorgimenti che chiunque dovrebbe adottare, per scaricare in sicurezza.

06 – Considerare l’ipotesi di scaricare un anti-virus

antivirus_android

A differenza che su Windows, dove i software pre-installati presentano normalmente funzionalità essenzialmente basiche, Android utilizza il metodo delle “sandboxes” (letteralmente “sabbiera”, il piccolo spazio recintato dove i bambini possono giocare con la sabbia), zone di contenimento che limitano il campo d’azione delle applicazioni all’interno del sistema operativo, in modo da circoscrivere i danni qualora una o più app si dimostri dannosa.

Ciononostante, un anti-virus può essere un valido ostacolo per quelle minacce che riescono a penetrare questa prima linea di difesa: oltre a compiere una scansione completa della memoria interna ed esterna (scheda SD) ogni qualvolta che viene installata o aggiornata una nuova app (oppure ad intervalli regolari durante la settimana), con un antivirus eccellente potrete eseguire ciclicamente il backup dei dati sulla piattaforma cloud che preferite, tenere sotto controllo la privacy gestendo i permessi delle applicazioni, e molto altro. I migliori sul mercato, attualmente, sono Lookout, Avast! e TrustGo.

In definitiva, un solido anti-virus rappresenta il perno del nostro piccolo manuale su come difendersi dai virus. Ma non è sicuramente l’unico consiglio che possiamo darvi, state tranquilli.

05 – Tenere il sistema operativo aggiornato sempre all’ultima versione

ginger-ics-jb

Potrebbe sembrare una presa in giro: ogni utente Android vorrebbe mantenere il proprio device aggiornato all’ultima versione disponibile, e molto spesso sono le astruse logiche di mercato dei grandi produttori a frustrare le ambizioni di molti. Ma quanti comprendono seriamente l’utilità di un aggiornamento, invece di seguire semplicemente la moda del momento?

Ogni nuova versione di Android porta infatti con sè un’aggiornamento dei parametri di controllo contro i malware in circolazione: per esempio, con Android 4.4.2 Jelly Bean, Google ha posto rimedio a quei costi spropositati che potevano essere accreditati da applicazioni fraudolente durante i pagamenti in-app.

Ogni tanto fate un giro nella sezione dedicata agli updates, nelle impostazioni: nel caso non abbiate settato la ricerca automatica, magari questo piccolo viaggio potrebbe riservarvi delle piacevoli novità.

04 – Occhio ai pirati (e alla pirateria on-line)

Android-Piracy

Non siamo qui per parlarvi della legittimità o meno della pirateria on-line (si tratta comunque di un’azione illegale), ma riteniamo che il costo irrisorio della maggior parte delle applicazioni a pagamento (molte risultano essere meno care del prezzo di un caffè) sia tale da consigliarvi di evitare di scaricare file .APK da siti internet sconosciuti.

È infatti in giro per il web che si corre maggiormente il rischio di contrarre con più facilità virus, poichè i file che scaricate potrebbero, molto probabilmente, essere stati corrotti per ospitare al loro interno malware dannosi per il vostro telefono (e sicuramente per il vostro conto in banca).

03 – Permettere l’installazione ad applicazioni provenienti da sorgenti sconosciute

Unknown-Sources

Qualora vi imbatteste in un’applicazione contenente una siffatta descrizione (“Ragazze focose che aspettano solo te… pagamenti in-app presenti”), sarebbe meglio che sopprimeste il primo impulso di procedere all’installazione, e che vi concentraste un momento su ciò che state per fare.

Indipendentemente dall’esempio portato alla vostra attenzione (che diamine, per certe cose esiste internet, che bisogno c’è di un’applicazione?), permettere l’installazione ad applicazioni provenienti da altre sorgenti che non siano il Play Store è sempre un rischio da non sottovalutare. Per quanto ci riguarda, un’app che presenti una tale descrizione grida “malware” ogni volta che le si ponga l’occhio sopra: concedere l’installazione ad un’app che può gettare il suo sguardo curioso nella nostra rubrica, o peggio? No grazie, non è esattamente questa la via migliore per difendersi dai virus.

02 – Scegli sempre market sicuri ed affidabili, in sostituzione a Google Play

app_tcg._V377200320_

Alcuni smartphone, soprattutto quelli prodotti in Cina, possono giungere nel nostro Paese senza aver pre-installato il Play Store. Nonostante questa possa essere una brutta notizia, non occorre farsi prendere dallo sconforto, o, peggio ancora, gettarsi alla ricerca di market poco sicuri su internet: esistono sempre delle valide alternative.

L’Amazon Appstore, ad esempio, contiene un numero in spaventoso aumento di applicazioni, e ogni settimana viene resa gratuita un’app che altrimenti sarebbe a pagamento; oltre a questi piccoli vantaggi, la sicurezza delle app è garantita da Amazon in persona, e quindi si possono dormire sogni tranquilli.

Scaricalo da QUI

01 – Scegli il meglio: scegli il Play Store

Google-Play-Store

La regola più semplice da seguire per difendersi dai virus Android è anche la più semplice: diffidate dalle imitazioni, scegliete sempre e solo applicazioni Google Play. Anche se non siamo la Disney, possiamo garantirvi che il Play Store è il luogo più sicuro di Android: ogni app è controllata da Google in persona, e quelle che (raramente) riescono ad eludere il controllo, vengono dopo poco tempo espulse.